Come di consueto, ogni anno in questa data non posso esimermi dallo scrivere qualche riga sulla ricorrenza di oggi. Di parole ne scrivo tante in questo spazio, così come ne ho scritte tante negli articoli degli anni precedenti riguardanti questa giornata, la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. Purtroppo ogni parola, ogni anno, è attuale, ed ha bisogno di essere ribadita, urlata a gran voce nuovamente, diffusa, compresa. Come sempre specifico, questo non è un blog sulla violenza sulle donne, in quanto sono moltissime anche le vittime maschili (che spesso non si sentono a fondo inglobate nei miei articoli, sebbene io specifichi sempre che la grammatica italiana ha dei limiti di genere e sebbene specifichi in ogni articolo che le parole di questo blog sono indirizzate a vittime donne e vittime uomini!!) MA indubbiamente sfocia anche in quello, sfocia nella violenza di genere prettamente intesa, in cui donne splendenti, intelligenti, forti e speranzose nella vita, vedono deprivarsi di tutte queste (e molte altre) qualità da uomini fintamente grandiosi, ma intimamente e profondamente piccoli, insicuri, frustrati, competitivi con le donne, invidiosi, castrati, parassiti, PICCOLI.

Ecco, se volete approfondire cosa penso di questa Giornata Internazionale potete leggere gli articoli degli anni precedenti in cui ne tratto abbondantemente, perchè il sunto dei miei pensieri non è cambiato, anzi, ogni anno si rafforza, MA questo articolo, a differenza degli altri, sarà invece breve, e vorrà ribadire questo semplice e basilare concetto:

Donne, mie lettrici, meravigliose Donne, raggianti Donne, preziose Donne, RICONOSCETE GLI UOMINI PICCOLI, ED ALLONTANATEVENE. SUBITO. Di strumenti per riconoscerli ormai ne avete, avete capito che potete averne, tra blog, canali YouTube, testi di specialisti. Di strumenti per difendervi potete averne dal momento in cui decidete di farvi aiutare, tra psicoterapeuti specializzati, centri antiviolenza, legali specializzati. Sapete che i piccoli uomini sono anche quelli che vi corteggiano fino allo sfinimento inizialmente (per catturarvi), e quelli bellissimi esteticamente, e quei professionisti apparentemente affabili e disponibili, e quelli sensibili e sfortunati con la vita (a quanto dicono loro), e quelli pieni di stuoli di persone che li ammirano, e quelli “inarrivabili” per qualche più o meno ignoto motivo, e quelli che si mostrano speciali per qualche più o meno ignoto particolare. Sapete come scegliere. Sapete – e, se vi trovate in questo blog, lo avete capito a vostre spese – che non è tutto oro quello che luccica, ma anzi che una donna non ha colpe, ma ha la responsabilità di scegliere con coscienza ciò che è meglio per lei, NON ACCONTENTANDOSI, non sopprimendo la vocina che le dice di stare attenta ma che subito veniva attutita dalle paroline dolci dell’uomo apparentemente perfetto e dalla fame di amore che avrebbe azzannato qualsiasi striminzito bocconcino si trovasse davanti.

Se ancora non si riesce ad educare – e in molti casi a CURARE – tantissimi uomini ignoranti/maschilisti/predatori e tantissimi uomini con disturbo narcisistico di personalità (ed affini disturbi), è compito DELLA DONNA riconoscerli e rendersi impermeabile ai parassitismi, ai furti di energia, di soldi, di serenità, di sana felicità, di VITA. Così come è compito della donna riconoscere anche LE STESSE DONNE narcisiste, egoriferite, invidiose, predatrici, vampire energetiche, che sanno esercitare VIOLENZA SULLE DONNE alla pari di un uomo ignorante e narcisista.

Continuo ad avere fiducia nelle donne, nelle donne vere, quelle che sanno perdonarsi per aver amato troppo oltrepassando il confine di loro stesse, quelle che antepongono gli altri a discapito di loro stesse e capiscono che è un pregio da tutelare pur non dimenticandosi di quanto LORO siano importanti, prima di tutti gli altri, quelle che non provano invidia per le altre donne e non esercitano forme di violenza (anche subdola, anche infimamente psicologica) verso le altre donne, per difendersi dal non essere “le migliori” e le “superiori a tutte le altre”, quelle che provano solidarietà per le altre donne e creano con loro sodalizi spaziali, come in questo blog e in questo forum spesso avviene (siete stupende quando vi aiutate tra voi. Il forum lo spulcio spesso!), quelle che amano i loro genitori, quelle che amano i loro figli, quelle che decidono di prendere in mano la loro vita, fosse anche a 70 anni, a 80 anni, e perchè no anche a 90, quelle che DENUNCIANO e non hanno paura, e quelle che HANNO PAURA MA CHIEDONO AIUTO. Quelle che dal buio della loro stanzetta leggono questo blog, e scrivono in questo blog. Quelle che si informano, quelle che si fanno domande, quelle che iniziano un percorso di psicoterapia, quelle che decidono di mettersi a dieta per coccolare la loro salute e la loro autostima, quelle che si buttano in esperienze nuove senza avere remore, quelle che hanno voglia di conoscere persone nuove, ma anche quelle che amano restare a casa a leggere un buon libro, a cucinare, a scrivere.

Purtroppo il mondo di oggi non aiuta le donne, perchè ne è TERRORIZZATO. Le donne, quando sono felici e realizzate, sono pericolosissime. Possono cambiare realtà, possono migliorare persone, possono apportare modifiche ad interi paesi, possono sradicare pregiudizi, possono fare la differenza, nel piccolo e nel grande. Le donne, quelle “vere” come scrivo spesso io, e non quelle fintamente forti ma solo piene di pochezza e di narcisismo patologico, sono quelle donne che esercitano infinita intelligenza intellettiva ed intelligenza emotiva in tutto ciò che davanti si propone loro. Sono quelle donne che spostano pianeti, donano sorrisi, piangono perchè hanno un’anima e poi la riassemblano. E poi la curano. Soffrono perchè hanno un’anima e poi insegnano agli altri come non soffrire e come preservare le anime loro. Vi rendete conto del potere? Vi rendete conto del potere che abbiamo? E non ci sono soldi di mezzo, non ci sono cariche istituzionali. C’è la natura più potente del mondo, quella della natura femminile delle donne vere, che amano, che capiscono, che si informano, che si perdonano, che aiutano le altre donne ed anche gli altri uomini (quelli per cui vale la pena) e che lasciano andare gli uomini per cui non vale la pena, ma anzi da cui è necessario fuggire. A voi donne che state leggendo, a voi donne che sempre mi leggete e spesso intervenite, scrivo di RENDERVI CONTO DI QUANTA FORTUNA ABBIAMO AVUTO AD ESSERE DONNE. AD ESSERE DONNE VERE. Le donne che arrivano qui, in questo blog, sono sì donne vere, che si stanno accorgendo solo ora di quanto lo siano, e che si stanno accorgendo solo ora di quanto altre persone parassitarie e vuote si siano accorte PRIMA DI LORO di quanto loro fossero le VERE DONNE SPECIALI, quelle “minacciose” perchè splendenti, e quindi da derubare, svilire e dalle quali nutrirsi del LORO VALORE.

DONNE, LETTRICI, AMICHE, PRESERVATE IL VOSTRO INESTIMABILE VALORE, NON ABBIATE PAURA DI FAR PAURA AD UN UOMO O A DONNETTE DI POCO VALORE, NON ABBIATE PAURA DI FAR VALERE I VOSTRI DIRITTI, NON ABBIATE PAURA DI PRETENDERE AMORE, RISPETTO, ESCLUSIVITA’, NON ABBIATE PAURA DI CHIEDERE AIUTO, E FREGATEVENE DI COME VI VOGLIONO GLI ALTRI. ANCHE QUESTO E’ GASLIGHTING SOCIALE. PENSATE ALLA VOSTRA FELICITA’. PENSATE ALLA VOSTRA LIBERTA’ INDIVIDUALE. PENSATE A COSTRUIRE LA VERSIONE MIGLIORE DI COME AVETE CAPITO DI ESSERE NEL PROFONDO, PERCHE’ COME SIETE GIA’ E’ PERFETTO. PENSATE ALLA VOSTRA INDIPENDENZA PSICOLOGICA E PERSONALE. PENSATE A COME POTRESTE FARE LA DIFFERENZA NEL MONDO, PER VOI STESSE E PER GLI ALTRI.

Sono sicura che, con la conoscenza, con la condivisione, con il supporto reciproco, non solo faremo la differenza, ma STIAMO GIA’ facendo la differenza. Per noi, per le donne che non ci sono più per non aver fatto in tempo a salvarsi, per le donne che stanno attualmente lottando, per le donne che, grazie alla conoscenza, potranno in futuro scappare in tempo da situazioni di violenza, di qualunque entità.

Ce la faremo.

Vi abbraccio, Francesca

1522 – NUMERO ANTI VIOLENZA E STALKING

Articolo soggetto a copyright – E’ severamente vietata la copia e la riproduzione, anche parziale, dei contenuti di questo blog. Nel caso in cui parti di articoli – anche limitate – vengano estratte ed utilizzate (periodicamente e/o occasionalmente) in altri testi, e/o altre piattaforme, e/o sessioni formative, e/o discorsi resi pubblici con qualsivoglia messo (ad esempio video e/o audio), E’ OBBLIGATORIO CITARE LA FONTE https://levocidieco.com/ a tutela del diritto d’autore in base alla normativa vigente.