Narcisismo al microscopio & oltre

Stai leggendo

Rispondi a: La sospensione che le persone narcisiste lasciano nelle vittime dopo lo scarto

Narcisismo al microscopio & oltre

Rispondi a: La sospensione che le persone narcisiste lasciano nelle vittime dopo lo scarto

Rispondi a: La sospensione che le persone narcisiste lasciano nelle vittime dopo lo scarto

#11183
Iris
Ospite

Ciao Luna Calante. Ci si stanca a sentirsi così…e direi menomale. Ci si stanca dei mal di pancia, della tachicardia e di tutto il resto. Come hai scritto tu stessa in un post poco più sopra, “la sospensione fa parte del pacchetto” e in quanto tale la subiamo per un bel pò di tempo fino a quando, appunto, ci stanchiamo tremendamente e ci avviamo verso la guarigione. Ieri, per puro caso, lessi in un libro questo pensiero di Leonardo da Vinci :”L’acqua che tocchi dei fiumi è l’ultima di quella che andò e la prima di quella che viene…Così è il tempo presente”.
Che cos’è in fondo il nostro presente, se non un attimo che unisce quello che è stato e quello che sarà? Ma è in quell’attimo che tutto si compie, non in ciò che non è più o in quello che ancora non è arrivato.
A pensarci bene, quindi, il narcisista, quando patologico, non fa altro che intrappolarci in un eterno passato, trasformarci in acqua putrida e stagnante. E’ questo il suo scopo e nel mio caso di sicuro lo fu, sin dal primo giorno in cui ci incontrammo.
Salvate il vostro presente, che è l’unica cosa che conta. I giorni, i mesi, gli anni trascorsi per quanto difficili, ci hanno insegnato chi siamo. Ma è ora per molti tra noi di lasciar andare, lasciare andare chi abbiamo amato (e che voleva distruggerci) al proprio destino e riprendere a scorrere, limpidi e fluidi come siamo sempre stati.