Narcisismo al microscopio & oltre

Stai leggendo

Rispondi a: Dissonanza cognitiva: la mia testa dice A, il mio cuore dice B

Narcisismo al microscopio & oltre

Rispondi a: Dissonanza cognitiva: la mia testa dice A, il mio cuore dice B

Rispondi a: Dissonanza cognitiva: la mia testa dice A, il mio cuore dice B

#7668
Mario
Ospite

Ciao a tutti. Mi presento: sono Mario, 55 anni e da una settimana ci siamo lasciati dopo 6 anni e mezzo di relazione. Circa 3 giorni prima l’avevo lasciata per poi ritornare sui miei passi, poi dopo qualche giorno di relazione fredda e distaccata, mi ha piantato lei. Devo premettere di temere di essere caduto nella rete di una donna narcisista (lei ha 53 anni), infatti, soprattutto nell’ultimo periodo, ad ogni lite o discussione, lei si chiudeva a riccio in un mutismo allucinante, assoluto, non dava più segnali, niente di niente ed ero sempre io ad cercarla per chiarire e andare avanti nel rapporto. Inoltre, mi faceva sentire inappropriato, inutile, un inetto, un incapace, ogni volta dava tutte le colpe a me, mai sentite le parole magiche “scusa” o “hai ragione” uscire dalla sua bocca, mai. Io ho i miei difetti, ovvio, ma credo sia impossibile che fosse sempre e solo colpa mia, in un rapporto, quando ci sono incomprensioni o screzi, credo sia sempre colpa di ambedue. Negli ultimi mesi non mi abbracciava più, non mi coccolava più, non una parola di conforto nei momenti più duri e da circa un anno, niente più rapporti intimi, se non baci a stampo allorché ci si ritirava. Non convivevamo a causa del fatto che io vivo con la mia anziana madre che non posso lasciare sola in quanto non abbiamo parenti o vicini che possano aiutarla a prendersi cura di se. Mi rendo conto che questa cosa l’ha inacidita, ma cavolo, il dialogo è fondamentale. Tante volte le ho spiegato la situazione, le ho chiesto di avere pazienza (anche perchè abitiamo a pochi metri l’uno dall’altra), ma niente, non capiva, nonostante i miei sforzi per far andare le cose sempre sui giusti binari, dedicandole tanto tempo e tutte le attenzioni possibili. E poi è stata proprio lei ad insegnarmi a vivere alla giornata, senza pensare al futuro, ma purtroppo erano solo chiacchiere. Tornando alla mia situazione attuale, sono in una sorta di limbo in cui il cuore vorrebbe tornare con lei, ma la testa mi dice di no. Alterno momenti di tranquillità ad altri di tristezza, di nostalgia, in cui mi sento abbandonato, solo, non ho voglia di uscire con amici e amiche, improvvisamente piango. Però non riesco a capirli questi momenti, perchè io con lei non ero affatto felice, anzi era diventata una relazione tossica, in cui mi maceravo nei dubbi, nella tristezza, nell’infelicità. E non per vantarmi, fortunatamente non mi mancano donne che starebbero volentieri con me. Più volte mi ha ripetuto di amarmi, ma nei fatti non lo dimostrava….. Ecco, questa è la mia situazione attuale…. Spero che con il tempo mi riappropri della mia serenità, della mia felicità, ritornando ad una vita serena e tranquilla, ma per il momento spesso mi ritrovo a pensare, con struggimento e tristezza, ai momenti belli vissuti insieme, con la nostalgia che mi attanaglia il cuore in una morsa gelida…