Narcisismo al microscopio & oltre

Stai leggendo

Rispondi a: Dissonanza cognitiva: la mia testa dice A, il mio cuore dice B

Narcisismo al microscopio & oltre

Rispondi a: Dissonanza cognitiva: la mia testa dice A, il mio cuore dice B

Rispondi a: Dissonanza cognitiva: la mia testa dice A, il mio cuore dice B

#8120
Mattia
Ospite

Mi spiace terribilmente per ognuno di voi e per me stesso.
32 anni io, 28 lei e 3 anni di…relazione?
Non so più cos’è ormai. So quello che sono io adesso, cioè frammentato.
Ringrazio il mio istinto che mi ha sempre messo in guardia contro “qualcosa di strano” in questa vita di coppia, tanto da intraprendere un percorso di terapia, in piedi da un anno.
Nel mentre, due settimane e mezzo fa, lei interrompe brutalmente la relazione. Voleva avere progetti con me ed io ne ero terrorizzato. Qualcosa dentro di me mi diceva che ero in pericolo. Ancora non capivo da cosa.
Non ho fatto in tempo a razionalizzare che qualche giornio dopo ero già nel suo passato.

Mi sono preso la colpa, in fondo ero io ad aver paura del futuro.
Pensavo di dover affrontare il tremendo lutto da separazione, ma a quanto pare mi preoccupavo del meno. Avrei dovuto capirlo.
Una settimana fa la mia psicologa avanza l’ipotesi del narcisismo sentendo i miei racconti: non so perchè, ma raggelo. Ne so pochissimo, subito mi informo e cerco di capire termini come “scarto”, “dissonanza cognitiva”, “stress post traumatico”. “Rifornimento narcisistico”.

Crollo.

Una finzione. Una recita, un vampiro energetico si è portato via la mia sensibilità, empatia, voglia di vivere? Fiducia. E io l’ho permesso? Sono incredulo, non è possibile esistano persone così. Mentre vi scrivo penso e non me ne capacito: tutto in funzione dell’ego (ismo),rovinare cosi delle magnifiche e sensibili persone per questo.
L’idea è insostenibile per me. Le ceneri in confronto sono linfa di vita.

E ciononostante il mio cuore la desidera, la mia mente è abituata a proiettarsi verso di lei, coi ricordi, con le emozioni, con le idealizzazioni. La necessaria fatica che mi costa guardare il nero vuoto della realtà è sfiancante.
È ingiusto stare così mentre lei continua tranquillamente la sua vita come se nulla fosse, magari con un nuovo “rifornimento narcisistico”, oltre ad abusare delle persone in futuro.
Non mi manca lei, ma quello che rappresentava nella sua recita. La donna perfetta per me.
Ora so che queste persone si trasformano in specchi per le allodole.
Tre anni in bugia e io sono stato fortunato, sono “solo” pochi anni. Penso a chi c’è stato per decenni.
È ingiusto.