Narcisismo al microscopio & oltre

Stai leggendo

Rispondi a: Cosa prova un narcisista quando gli muore la madre?

Narcisismo al microscopio & oltre

Rispondi a: Cosa prova un narcisista quando gli muore la madre?

Rispondi a: Cosa prova un narcisista quando gli muore la madre?

#8633
Carmen
Ospite

Sono delle macchine, è proprio così. Io ormai ragiono con il mio ex come se fosse una macchina alla ricerca di ammirazione e di energie. Un paio di anni fa le è morta la madre, ed è stato un giorno come un altro. Durante il funerale era tronfio, fintamente addolorato come tutte le volte che ritornava e voleva riprendermi, eppure io ancora ci stavo e non prestavo attenzione alla gravità di questi modi di reagire e di fare. La morte della madre è un fatto come un altro, e a maggior ragione loro le madri tendenzialmente non le amano, come non amano nessuno, e non è che il genitore è un’eccezione. Noi non abitavamo nella città dove vivevano i suoi, e il giorno stesso del funerale già smaniava che voleva andarsene, partire, fare tutte le cose che voleva fare (non aveva un posto fisso), non curandosi minimamente degli altri fratelli che soffrivano e che erano più piccoli di lui e rimanevano senza madre, non curandosi di tutte le situazioni burocratiche da sbrigare. Era un fatto, come un altro, ed ora che era avvenuto amen, si ripensa ai cavoli propri. Questo è quello che lui aveva pensato. Ed infatti nessuna emozione profonda, nessuna parola profonda, non sentivo niente da parte sua. A ripensarci oggi è stato tremendo, e… solo io mi ero accorta di tutto ciò. Perchè per tutti gli altri, lui era visto come il figlio addolorato e pieno di rimpianti. Ma quali rimpianti, loro non provano neanche il senso di colpa.