Narcisismo al microscopio & oltre

Stai leggendo

Rispondi a: Sfogo, di tutto e un po’

Narcisismo al microscopio & oltre

Rispondi a: Sfogo, di tutto e un po’

Rispondi a: Sfogo, di tutto e un po’

#9611
Elena
Ospite

Silvia ho letto il tuo messaggio e sembra proprio la mia storia. 28 anni anche io, prima storia importante anche io. Sembra che ci cerchino col lanternino. Convivevamo, i miei genitori lo adoravano, e i suoi adoravano me. Coppia invidiata da tutti, insomma, costruzione seria di una vita insieme. E poi? E poi la follia più divampante. Il primo campanello mio è stato il notare che lui non sapesse minimamente mettersi nei miei panni, e ancora non sapevo si chiamasse “empatia”. Pensavo che l’empatia fosse un capirsi generale a vicenda, ma non sapevo che è una qualità precisa di cui le persone disturbate sono prive. Ecco lui ne era privo e per me era un problema enorme. Era una mina sempre pronta all’esplosione e io stavo sempre più “silenziando me stessa” per evitare dolori, per evitare di scoprire cose, di essere attaccata e soprattutto di essere accusata di questo, di quest’altro. Un’angoscia. In qualche mese il nostro idillio era diventata un’angoscia, eppure non riuscivo ad uscirne, come anche tu saprai. E in realtà mentalmente non riesco ad uscirne neanche ora a 5 mesi dallo scarto, anche se tutti dicono che sia normale e che i tempi sono lunghi. Penso che per noi i tempi saranno più che lunghi sinceramente perchè i nostri partners ci hanno illuso fin sopra alla testa, si sono infiltrati nelle nostre speranze, nella nostra quotidianità, nella nostra anima, ed ora vallo a spiegare alla gente che non lo ha vissuto che questo è un vero e proprio lutto di noi stesse. Effettivamente io solo qui mi sento capita, in blog come questi dove tutti parliamo la stessa lingua. A volte mi vengono attacchi d’ansia, ma non tanto per la mancanza di lui (ovviamente sì, anche) ma perchè mi sembra di diventare matta, tutti lo vedono “normale”, distinto, perbene, bellissimo, e a volte ho come la sensazione di aver sognato per tanto tempo tutte le volte che mi trattava male e che usciva fuori la bestia. Ma penso che loro così vorrebbero. Vorrebbero che noi ci dimenticassimo cosa sono e ci facessimo influenzare dalle loro maschere scintillanti. Beh, io al mio non glie la darò vinta. Sto andando da una psicoterapeuta per rimuoverlo da ogni particella della mia anima e del mio cuore e per non tradire mai me stessa, come ahimè tante volte ho già fatto. Dobbiamo perdonarci, eravamo solo innamorate dell’amore e della persona sbagliata. Per fortuna siamo ancora giovani