Narcisismo al microscopio & oltre

Stai leggendo

Senso di colpa che mi mangia

Narcisismo al microscopio & oltre

Senso di colpa che mi mangia

Senso di colpa che mi mangia

  • Il topic è vuoto.
Stai visualizzando 10 post - dal 1 a 10 (di 10 totali)
  • Autore
    Post
  • #8881 Rispondi
    Selene
    Ospite

    Ciao a tutti, grazie per questo forum. Io ho un senso di colpa che mi si mangia, e non so neanche benissimo perché. Mi ha scartato non prima di buttarmi addosso ogni tipo di mancanza, responsabilità, colpa, dall’attrazione che non ha mai provato (come no) al fatto che io sono diventata più spenta nell’ultimo anno di relazione (chissà perché), al fatto che sono diventata più sospettosa, pesante e opprimente (chissà perché, gli avevo scoprrto una marea di chat di incontri e lo avevo perdonato) e ha detto tutto questo a tutte le scimmie volanti eccetera della cerchia sua e della cerchia mia. So che non devo crederci, so che è manipolazione e sono modi che lui ha avuto per portarmi a spegnermi, ad incazzarmi, a peggiorarmi per scartarmi per bene, so che è disturbato, è un manipolatore, ma è come se io non riesca a crederci fino in fondo e non riesco a scrollarsi di dosso la visione che lui ha creato di me. Non so se mi sono fatta capire ma sto soffrendo tantissimo per questo e mi dà rabbia perché glie la sto dando vinta, ma non ce la faccio ad essere lucida.

    #8882 Rispondi
    Mattia
    Ospite

    Ciao Selene (che bel nome che hai!).
    Ti capisco, tutti qui ti capiscono. Le dinamiche che descrivi rientrano perfettamente nel cliché; non conosco la tua storia naturalmente per cui mi baso su quanto scrivi.
    Essere manipolati genera confusione, alterazione della tua realtá (gaslighting e conseguente dissonanza) e senso di colpa: capisco che non ti renda conto di come stanno le cose pienamente: è normale essere disorientati di fronte alla realtà manipolatoria e in contemporanea alla sentimento verso la persona con cui hai condiviso tutto. Sembra di essere spaccati a metà e questo confonde.

    Capisco la mancanza di lucidità. E proprio per questo ti dico che non è colpa tua. Non lo è.
    So anche che quello che ti scrivo serve a poco e la tua angoscia resta.

    Indipendentemente lui sia narcisista o meno, manipolatore o altro nel momento in cui ti fa perdere lucidità, ti tiene nascoste chat e ti accusa in malo modo sparlandone con altre persone, non credo sia la persona giusta per te, o per chiunque altro, non so se mi spiego.

    Purtroppo è facile cadere nel “gliela sto dando vinta” ma è solo perché ti ha etichettato e insultato ingiustamente e questo è duro da mandare giu, posso capirti. L’unica cosa saggia da fare (e difficilissima) è bloccare lui e tutti quelli legati a lui, allontanati, fai spazio. Ti serve aria pulita.
    Ti serve prenderti cura di te e credimi se ti dico che in questo momento è veramente duro riuscire a farlo.
    E non darti troppa pena per lui, non avrà un bel futuro purtroppo.

    #8883 Rispondi
    Selene
    Ospite

    Grazie Mattia, infatti qui mi sento proprio capita, e soprattutto non giudicata. Penso che sia umano darsi del tempo per liberarsi della manipolazione, perchè alla fine di manipolazione si tratta, ma è comunque difficilissimo. E’ come se mi sentissi piena del giudizio suo su di me, tanto che non capisco più come sono, e mi faccio schifo così come lui pensa di me e sparla di me. Da fuori mi prenderei per cretina da sola, ma quando ci stai dentro è ben diverso, lo sapete bene. Anche io sono in terapia come molti di voi, ma per ora grandi miglioramenti non ne vedo, forse perchè è presto. Grazie per le cose che mi hai scritto Mattia, sembrerà banale ma qualcuno che ti dica “non è colpa” tua non è così scontato quando tu non sei lucida. Spero di arrivare a pensarlo profondamente anche io, che non è colpa mia, e quanto prima, perchè questo post scarto per me è l’esperienza più terrificante della mia vita per ora, più di altre situazione che “oggettivamente” dovrebbero essere più dolorose. Ma per carità, questa è la peggiore che un essere umano possa vivere

    #8885 Rispondi
    Mattia
    Ospite

    Posso chiederti? Di cosa ti sentiresti in colpa? Di essere come ti descrive lui? O semplicemente temi di essere come ti dipinge?
    Se esponi ogni timore o dubbio (senza essere invadenti, ci mancherebbe) possiamo darti un punto di vista diverso e più approfondito. Sono sempre convinto non sia colpa tua ma magari lo si può rendere più incisivo, dandoti un punto di vista diverso

    #8887 Rispondi
    Selene
    Ospite

    Certo che puoi chiedere. Senso di colpa di non essere stata davvero “abbastanza” per lui, senso di colpa di avere veramente quelle mancanze che lui dice, anche se a livello oggettivo so che gli ho dato tutto, e me lo dicono tutti coloro che mi sono sempre stati vicini, lui da me ha preso tutto, e quelle mancanze in realtà sono solo scuse che ha portato avanti per scartarmi. Oppure per esempio il fatto di aver perseverato con lui gli ultimi tempi quando già sapevo del narcisismo, e lui mi ha visto “spenta” perchè effettivamente spenta lo ero visto che lui mi svalutava in ogni modo, ed io glie lo avevo permesso. Se mi levavo subito dai giochi era meglio. Non so è come se uno di butta addosso “merda” e tu merda ti ci senti, anche se sono parole buttate addosso da una persona esterna. Che poi…persone. Queste non sono persone, sono esseri immondi. Ti portano così tanto a credere a quello che dicono che poi finisci per crederci sempre. Sono sensibile alle sue accuse, e la mia parte dipendente dà ragione a quelle accuse, e le colpe me le prendo tutte anche se non dovrei. Forse alla fine sai cos’è? E’ la sensazione di schifo totale che queste persone portano con sè e lasciano a chi gli vuole bene. Forse alla fine sì, è tutto il generale schifo che questa storia ha portato nella mia vita e dentro di me, e so che mi capite, grazie per il supporto Mattia

    #8905 Rispondi
    Viola
    Ospite

    Cara Selene, per un certo tempo io mi sono molto chiesta se mai mi sbagliassi, se lui non fosse un narcisista patologico, se magari fossi esagerata…. Questa è manipolazione, è frutto dell’abuso che abbiamo subito. Sono in terapia da giugno e ti consiglio vivamente di fare lo stesso, di non sottovalutare come ti senti. Io ci sono anche ricascata a metà terapia, e non c’è niente di cui vergognarsi, perché ci hanno davvero studiato bene, sanno i nostri punti deboli e lui mi ha colpito al cuore. E ora? Sono “guarita”? Ti descrivo cosa succede nel mio cervello: io ne sono fuori, ho coscienza di tutto quello che mi ha fatto, ho razionalmente comprensione del suo disturbo…. Vivo bene, ho tanti interessi e faccio cose, vedo persone…. Non passa un giorno in cui io non abbia un flash di qualche nostro momento up dei nostri… Noi al mare…noi sul divano… Succede in modo istintivo, non posso farci niente .. poi richiamo qualche ricordo di quelli “neri” e poi libero la mente… Con lo sport… Purificandomi. Questa è la mia strategia. Volevo solo portarti una vera, realistica testimonianza. La tua mente è piena di lui, sei intossicata. Ma è normale. Ora ci devi lavorare, ma non dubitare di te. Non hai sbagliato. Neppure se avessi mai sbagliato qualcosa, perché se ti avesse amato ti avrebbe compreso. Pensaci.

    #8918 Rispondi
    Selene
    Ospite

    Grazie per le tue parole, Viola. Siete adorabili. Hai ragione, è manipolazione e devo continuare a lavorare per far “coincidere” la mia razionale convinzione che è manipolazione con la mia parte che si inganna da sola e che crede a quelle falsità. Caspita quanto è difficile. L’esempio di come tu “reagisci” ai momenti dei ricordi, lo prendo con piacere in considerazione e, banalmente, dovrei anche io cominciare a fare sport! Sembrerà una cosa stupida ma sono attività che fanno bene, hai ragione. E poi sì penso sia utile anche nella fase precedente la tecnica di ricordare anche i momenti brutti per bilanciare quelli belli. Ti dirò, sono in una fase ora in cui mi vengono a galla solo i ricordi brutti, ma nonostante quelli, sono ancora invischiata totalmente affettivamente. Che vi devo dire ragazzi, passerà prima o poi. Comunque Viola ti faccio i miei più sinceri complimenti per il lavoro che hai fatto (e forse stai ancora facendo) su di te, perchè si sente che hai lavorato tanto, hai consapevolezza e ne stai prendendo i frutti. Siete tutti un po’ il mio esempio, ed anche i miei “compagni di avventura” in questa avventura infernale, grazie

    #8919 Rispondi
    Mattia
    Ospite

    Ho letto tutto e sì, ribadisco a pieni polmoni:
    Non è colpa tua.
    Anche l’aver perseverato; ciò ti fa solo onore. Non ti sentire sciocca o altro, se lo fai giudichi tutte le persone di buon cuore che si impegnano per la persona che amano, anche se a proprie (elevate) spese.

    Stai tranquilla, oltre ai tuoi cari hai anche me e Viola (due sconosciuti ma che hanno vissuto la tua stessa esperienza con spettri diversi) dalla tua parte, a dirti le stesse cose; sapendo poco o niente abbiamo capito al volo proprio perché ci siamo passati o ci stiamo ancora dentro.

    Quella svalutazione non ti appartiene, non è te. È solo un’opinione distorta, una realtà assurda di chi non sa nemmeno come sia la realtà.
    Meriti di meglio, Selene.

    #8920 Rispondi
    Viola
    Ospite

    Beh il percorso è lungo purtroppo, non voglio raccontarla facile. Ho dovuto ricascarci per essere scartata nuovamente per capire fino in fondo che certamente non mi sbagliavo nell’averlo individuato come narcisista patologico. Ti metto in guardia su una cosa: usano stratagemmi incredibili per ripresentarsi come se nulla fosse. Non ci crederai e farai bene. Ti sembrerà assurdo perché lo è. Lui cambiava in continuazione l’immagine del profilo whatsapp con immagini della nostra vacanza. Io non gli scrivevo ma il mio cuore mi diceva che avevano un significato (attenzione che hanno più cellulari invece). Insomma dopo questo lavoro per ricordarmi il lovebombing e solo quello ci sono ricascata. L’ha fatto solo per approvigionamento narcisistico. Per provare se aveva ancora potere su di me. Se ci sono cascata è perché non ero ancora abbastanza forte. Io non posso applicare il nocontact a parte i social e whatsapp xe siamo vicini di casa. Cerco di evitare ogni incontro. Ma bisogna arrivare al punto che anche un faccia a faccia ci lasci indifferenti. Per ora non è così. Lo so. Ma non la vivo come una sconfitta. Ci sto semplicemente ancora lavorando.

    #8921 Rispondi
    Selene
    Ospite

    Grazie ad entrambi. Grazie tantissime. Mattia mi hai fatto riflettere quando hai scritto “non ti sentire sciocca, se lo fai giudichi tutte le persone di buon cuore che si impegnano per la persona che amano”. Hai pienamente ragione. A furia di stare con persone del genere si diventa acidi e aridi come loro. Amare qualcuno e prendersene cura è una grande qualità, non un essere sciocca, e se sono arrivata a pensare così è perchè sono ancora bella che manipolata. A volte sentire i punti di vista altrui serve proprio a questo, a riacquisire un po’ di lucidità. Ognuno arriva a consapevolezza diverse e condividerle fa bene. Viola, caspita avere l’ex narcisista come vicino di casa penso sia una situazione per niente carina, e che allunga i tempi di guarigione. Mi dispiace tanto per questa sfiga, perchè non c’è altro termine, ma pensa a quando ne sarai uscita, quanto sarai forte. Io anche, come te, ci sono ricascata, e varie volte, e secondo me è una cosa inconscia nostra di voler toccare il fondo e farci proprio male per arrivare ad un punto di schifo totale in cui non hai dubbi sull’andartene. O almeno nel mio caso è stato così. Anche se poi è un discorso che lascia il tempo che trova perchè comunque i momenti di nostalgia, di emozione nel ripensare al love bombing, non spariscono, anzi si ripresentano lo stesso, come scrivi anche tu, quindi bah, alla fine tornassi indietro troncherei la situazione subito, ci starei malissimo, ma almeno avrei risparmiato tanto altro tempo perso dietro a lui. Che è un fallito

Stai visualizzando 10 post - dal 1 a 10 (di 10 totali)
Rispondi a: Senso di colpa che mi mangia
Le tue informazioni: