ARTICOLO – COME TUTTI GLI ARTICOLI DI QUESTO BLOG – RIVOLTO A VITTIME DONNE E VITTIME UOMINI, MA PER COMODITA’ GRAMMATICALE ED INCIDENZA, USERO’ IL MASCHILE PER IL NARCISISTA ED IL FEMMINILE PER LA VITTIMA.

“Il mio narcisista è diverso: forse potrei evitarlo il no contact”. Almeno una volta è balenato questo pensiero, anche solo ampassant, nella mente della vittima, nei continui andirivieni di scarti e ritorni, e risalite, e di nuovo abissi a seguito di ritorni accettati e nuovi love bombing, e nuovi scarti e via dicendo. Nel marasma del post scarto, quando tutti scrivono, dicono e ti dicono di applicare la famosa tecnica del NO CONTACT, tu pensi al tuo narcisista, a volte lo senti, a volte lo vedi, e pensi che NO, non può essere che lui sia il mostro che a volte hai visto e che tutti i blog, compreso questo, descrivono alla perfezione. In casi come questi, quando ricominci a guardare il narcisista con gli occhiali rosa del love bombing, NON SEI LUCIDA. Puoi pensare di esserlo, puoi percepire di esserlo, ma NON LO SEI. E’ lucido ed è competente chi ti consiglia – e magnificamente spesso ti obbliga – di applicare l’unica, salvifica, sensata, NECESSARIA, tecnica per salvarti la vita, salvare la tua sanità mentale, salvare la tua autonomia di pensiero, e preservare il tanto tempo di vita che ti rimane, per non essere più sprecato dietro a persone molto dannose.

IL NO CONTACT E’ – SEMPRE , SEMPRE E SEMPRE – L’UNICA TECNICA PER LIBERARSI DI UNA PERSONA E UNA MODALITA’ DI VITA TERRIBILMENTE DANNOSE. Non è in per sè il narcisista che ti distrugge. Cioè, lo è, eccome, ma è anche tutto il resto della distruzione che ti fa trascinare appresso: è il tempo prezioso della tua vita che stai sprecando per non fare cose utili alla tua persona, ma che spendi arrovellandoti a come farlo tornare, a cosa fare per tenertelo per te, a se scrivergli e a cosa scrivergli, a cosa starà facendo ora e con chi possa stare, a in quale fase dell’abuso si trova e quindi se ti sta solo silenziando col silenzio punitivo oppure se ti ha scartato per sempre. Insomma, senza rendertene conto, stai DONANDO il tuo tempo e la tua vita A LUI e PER LUI. Cosa ne riceverai in cambio? NIENTE. Cosa ne stai ricevendo in cambio? MALESSERE, DISTURBI PSICOSOMATICI, NON LUCIDITA’, OSSESSIONE PER LUI, ISOLAMENTO DALLE PERSONE CHE TI VOGLIONO BENE, PRIVAZIONE DELLE COSE BELLE DELLA VITA (che sono tantissime).

Finchè CONOSCERE le dinamiche del narcisismo e delle relazioni tossiche è educativo e costruttivo per allontanarsene, ciò è preziosissimo. Ma quando, con tutte le conoscenze e le consapevolezze, ci si crogiola ancora, e ancora e ancora, nella manipolazione e nell’attesa del narcisista dalla porta semi aperta che gli si lascia, ciò diventa un gioco al massacro, uno stillicidio che, più passa il tempo, più porta conseguenze che danneggiano il corpo e la mente della vittima.

Il tuo narcisista NON E’ DIVERSO DAGLI ALTRI. Può essere overt, covert, bello, brutto, ma SEMPRE agisce con manipolazione e generando dipendenza affettiva. SEMPRE è pericoloso per la sanità mentale. SEMPRE è abile nel farsi credere, nel farsi ammirare, e nel farsi perdutamente amare. Pensa che così come tu, riguardando il tuo narcisista e parlandoci profondamente come sempre facevate i primi tempi, CREDI AL TUO NARCISISTA, così anche milioni di donne provano la stessa sensazione di FIDUCIA E DI “NON E’ UN NARCISISTA COME GLI ALTRI”, parlando di nuovo, dopo l’ennesimo ritorno, col proprio narcisista che, a cavoli suoi, è andato via, e poi tornato, e poi andato via di nuovo, e poi ritornato, e poi tradito, e poi raccontato menzogne, e poi arrecato violenza psicologica e/o fisica.

SONO TUTTI UGUALI. HANNO, TUTTI, GLI STESSI IDENTICI SCHEMI. Se non fossero così bravi a far cadere ai loro piedi le loro vittime, non avrebbero così tante vittime intorno, non si farebbero perdonare centinaia di volte, non porterebbero all’esasperazione donne (e uomini, nel caso di narcisiste donne) INTELLIGENTI, e non manterrebbero in piedi, spesso ahimè per molti anni, danze di manipolazione inaudite. Il narcisista non è abile perchè è semplicemente bravo in quanto tale a farsi rendere credibile. Il narcisista è abile con la vittima perchè GIA’ E’ ENTRATO NELL’INTERIORITA’ DELLA VITTIMA. Cioè, mi spiego meglio. Quando tu, vittima, ti trovi di fronte all’ennesimo ritorno del narcisista, che sia telefonico, che sia di videochiamata, che sia di weekend romantico, che sia di qualsiasi altra entità, non cadi perchè lui è solamente abile a far cadere le persone, tu cadi perchè SI E’ INNESCATO, nel love bombing, UN LEGAME FORTISSIMO TRA VOI DUE, CHE PUO’ ESSERE ESTIRPATO SOLO COL NO CONTACT. Il suo tono di voce, il modo in cui ti guarda, gli argomenti che tocca, che solo voi due, fra voi, comprendevate e comprendete a fondo, sono tutti elementi che ti portano, ancora e ancora e ancora, a pensare: “Non posso troncare per sempre con lui, dai, è impossibile”; “Non posso troncare con una persona così importante per me, che mi comprende così a fondo. Sarebbe come troncare con un genitore, o meglio ancora, con un figlio, con un migliore amico”; “Ma che ne capiscono le pagine sul narcisismo di quello che c’è tra me e lui. Tra noi è diverso, c’è un legame oggettivamente troppo profondo, che va oltre i ruoli di abusante e manipolata. Sarebbe riduttivo. Su alcune cose questi blog avranno ragione, ma io e lui siamo un’eccezione, siamo di più, lui in fondo un po’ mi ama”; “Con lui posso fare un’eccezione e mantenere un “SEMI – NO CONTACT”, giusto per continuare a sentirlo ed esserci, perchè in fondo siamo importanti l’uno per l’altra, e poi stavolta sono forte, lo sento giusto qualche volta, oppure stavolta la prendo più soft, torniamo a stare insieme ma non come i primi tempi, ci diamo più spazi a vicenda, oppure stavolta non gli credo al cento per cento, mica sono scema, torniamo insieme sì, ma andrà meglio perchè ormai la conosco la patologia mentale che ha, e quindi non mi apro come quando ero ingenua, ho io il coltello dalla parte del manico”.

NON SEI LUCIDA.

E NON SEI MAI TROPPO FORTE PER CONTINUARE A SENTIRE UN NARCISISTA E PER NON APPLICARE IL NO CONTACT!!!!!!!!! MAI!! RICORDATELO SEMPRE! IL NARCISISTA TORNA PER AUMENTARE DI VOLTA IN VOLTA IL PROCESSO DI TUA DISTRUZIONE SEMPRE PSICOLOGICA, e non sempre, ma TALVOLTA, anche fisica.

Se sei in una forma splendida, di sicurezza in te stessa, di autonomia personale, di gioia interiore, le situazioni che si prospettano sono due:

  1. Sei così sicura di te che non hai veramente più bisogno di un narcisista patologico nella tua vita, perchè le ferite dove lui si è insinuato, tu le hai sanate pienamente con l’amor proprio, dunque accogli nella tua vita solo elementi positivi, persone affettivamente sane ed empatiche come te, progetti da coltivare per te stessa, passioni prima celate, sorrisi, non ansie, tempi tuoi, serenità, vita pregna di vita, e mancante di nulla, men che meno di nulla di tossico e nocivo;
  2. Non sei ancora così pienamente sicura di te, ma pensi di esserlo già compiutamente fino in fondo, vuoi giocare ancora col fuoco, e decidi di continuare a sentire il narcisista, d’altronde “Che soddisfazione fargli vedere come sono in piena forma ora, senza di lui”: questa pienezza interiore lui TE LA PROSCIUGHERA’ TOTALMENTE, PER INGLOBARLA TUTTA IN SE STESSO e te la disintegrerà, come un lento contagocce, di cui tu non ti accorgerai minimamente. Telefonata dopo telefonata, contatto dopo contatto, weekend dopo weekend, storia dopo storia. Puoi starne certa. E il baratro sarà peggiore di quelli in precedenza subiti. E’ nella dinamica del suo essere. Il narcisista vive attraverso la morte emotiva delle persone con cui è a contatto, specialmente la sua partner. Renditi, quindi, conto di cosa succederebbe se tu buttassi tutta la tua meraviglia nel cassonetto emotivo di una persona disturbata di tale portata. Uno spreco, un abominio, un delitto.

Dunque, va da sè comprendere come NON ABBIA SENSO PROCRASTINARE (=RIMANDARE) L’INIZIO DEL NO CONTACT. Ogni giorno che sprechi per non iniziare il no contact è un giorno non vissuto bene come potresti. So che, ancora pervasa dalla dipendenza affettiva, questo concetto possa sembrarti assurdo e irraggiungibile, ma se i primi giorni di “astinenza” da narcisista, saranno complicati, vedrai, è automatico, che giorno dopo giorno scoprirai un miglioramento che neanche tu pensavi di poter vedere e vivere. Ma se non inizi mai, non puoi mai giovarne. Cominciare un no contact e poi interromperlo può succedere, e succede (spesso se il no contact non viene fatto bene, globalmente su ogni fronte, che siano numeri telefonici, parenti del narcisista, indirizzi mail), ma tu provaci, e riprovaci, e riprovaci. A furia di provarci, stai certa che riesci. Non importa se lo vuoi o se non lo vuoi: qualsiasi vittima di abuso narcisistico, anche quella più sofferente per uno scarto o una triangolazione o chissà quale altra aberrante azione e fase, NON VUOLE iniziare veramente un no contact. Non vuole veramente rinunciare (“rinunciare!!!!!”) alla presenza, anche lontana e nebulosa, del narcisista. E’ normale. Il narcisista è una droga alla quale la vittima è assuefatta, e il suo solo pensare che per tutta la vita, da ora, dovrebbe non vedere più nulla e sapere più nulla di lui, le sembra una FOLLIA AUTOINDOTTA. UN DOLORE AUTOINDOTTO INSOPPORTABILE ED EVITABILE PER ORA. Ecco, pensa che il conto ti arriva più tardi, e sempre più salato. Anche se pensi anche tu che questo proposito per te sia ancora follia e irraggiungibile utopia, anche se pensi che non ce la farai mai a rinunciare a questa persona che non è esterna, ma è proprio dentro di te (so che, leggendo questa frase, capisci bene la sensazione del sentirti il narcisista DENTRO, come il respiro che ti senti nei polmoni), PROVA ALMENO A CAPIRE RAZIONALMENTE, IN QUESTO MOMENTO, CHE QUESTA E’ TUTTA MATERIA NOCIVA E NON REALE. E’ un meccanismo patologico di relazionarsi che questa persona ha con te, come ha e ha avuto con altre persone, per prosciugarle, per aggrapparcisi, incapace di autosostentarsi energeticamente da solo. Fa male riconoscere questa realtà. Fa male pensare di dover rinunciare a quelle briciole che così apparentemente mica fanno male, ED INVECE fanno male. Quella presenza latente che tu senti del narcisista, quell’ABITUDINE che tu hai di lui che torna, o della semplice idea che tu hai che lui possa tornare, insomma queste forme rimaste aperte, NON SONO SANE. Sono patologiche. Due persone che sono state insieme e si lasciano NON SI SENTONO PIU’, o al massimo rimangono in buoni rapporti per farsi del bene e mantenere un buon ricordo, non per farsi del male.

TU SEI ABBASTANZA FORTE PER VIVERE SENZA DI LUI.

NON DEVI ASPETTARE IL MOMENTO GIUSTO PER APPLICARE IL NO CONTACT E QUINDI STARE BENE.

IL PROCESSO E’ INVERSO.

SE COMINCI IL NO CONTACT ORA – ANCHE SE ORA SEI A PEZZI, E FREMI PER UN SUO MESSAGGIO, O PER UNA SUA CHIAMATA, O PER UN SUO RIPENSAMENTO – STARAI BENE PRIMA. E’ un po’ come la dieta (non mi piace il termine dieta, ma almeno rende l’idea. Diciamo che mi riferisco ad un regime alimentare sano, quelli che quando inizia ti senti un portento e sprizzi benessere da ogni poro! Non quelle diete ferree mi raccomando!). Aspetti il giorno giusto per iniziarla, nel frattempo ti ingozzi di bignè (buoni!) e aumenti di peso esponenzialmente. Ecco, se la “dieta” la inizi ora, proprio ora, giorno dopo giorno starai a prescindere meglio, nel sentirti più leggera, più in forze. E’ lo stile alimentare sano che ti fa essere felice nel mentre lo attui, e ti fa proseguire nel tuo stare veramente bene, e non è nè la ricerca del momento giusto, nè il mero e semplice obiettivo quando sarà raggiungo. Nel mentre fai il no contact la felicità ti arriverà mano mano, giorno per giorno. E’ una felicità presente. Il no contact non ha una meta da raggiungere, e da cui far svolazzare una bandiera. E’ il processo che ti renderà, ogni giorno, sempre più padrona di te, sempre più autonoma nel pensare, sempre più indipendente, sempre meno manipolabile, sempre più felice di come sei, di quanto sei bella dentro e fuori, di quanto sei interessante agli occhi tuoi e, perchè no, anche agli occhi degli altri.

TU NON SEI L’ECCEZIONE. IL TUO NARCISISTA NON E’ L’ECCEZIONE.

MA CE L’HANNO FATTA TANTISSIME DONNE (E UOMINI) A DIVENTARE LIBERE: CE LA FARAI ANCHE TU!

Articolo soggetto a copyright – E’ severamente vietata la copia e la riproduzione, anche parziale, dei contenuti di questo blog. Nel caso in cui parti di articoli – anche limitate – vengano estratte ed utilizzate (periodicamente e/o occasionalmente) in altri testi, e/o altre piattaforme, e/o sessioni formative, e/o discorsi resi pubblici con qualsivoglia mezzo (ad esempio video e/o audio), E’ OBBLIGATORIO CITARE LA FONTE https://levocidieco.com/ a tutela del diritto d’autore in base alla normativa vigente.