mani sesso by Kate Hliznitsova

Ho letto svariato materiale circa il sesso con il narcisista patologico, e con gran parte di esso mi trovo in disaccordo. Il motivo principale è quella visione che ascrive la sessualità del narcisista ad un’azione meccanica, poichè incapace di provare intimità con un’altra persona e poichè incapace di una sana intimità con se stesso e conoscenza profonda di se stesso. Viene descritto il narcisista come un uomo che pensa solo a se stesso, che pensa solo al proprio godimento, che va avanti nel suo “operato” senza curarsi delle esigenze della propria donna, e che, anzi, considera la propria donna come un oggetto tramite cui provare piacere. Ecco, sono, in parte, in disaccordo con questa visione, e ne ho avuto tantissimi riscontri. Indubbiamente condivido il fatto che il narcisista, in generale, reifichi le persone e le usi alla stregua di oggetti, ma con il sesso è ben lontano da questo riduttivo concetto, non si limita a questo, e l’analisi non può essere così limitativa e scontata, soprattutto perchè il sesso cambia moltissimo a seconda delle varie fasi della relazione.

Dunque, ciò di cui sono convinta è che l’esperienza sessuale con un narcisista sia un’esperienza pervadente, simbiotica, tutt’altro che meccanica. Magari fosse meccanica… sarebbe più semplice lasciar andare la dipendenza. Il sesso con il narcisista è il fare l’amore finalmente come si aveva sempre immaginato, è il donarsi dentro a braccia di sempre, perdere i confini, raggiungere vette mai raggiunte, sentendosi profondamente parte di un qualcosa di unico e unito, e non più in due.

Tutto ciò lo è per varie ragioni.

La prima ragione è che il sesso, per un narcisista, è l’ennesima forma di MANIPOLAZIONE della vittima, uno degli strumenti più forti per tenerla agganciata a sè, sia nella fase di love bombing, sia nella fase di svalutazione, dunque il narcisista SI DEVE IMPEGNARE per essere il migliore, per pervadere la vittima con il loro speciale fare l’amore, il tutto per non rischiare di perderla, per non rischiare di perdere ciò che lo mantiene in vita, e su cui sta, in tutto e per tutto, puntando. Nella fase di love bombing, il sesso è uno strumento che ha lo scopo di accentuare il processo di “buttare il seme” della dipendenza che il narcisista instaura nella vittima, da qui a tutte le fasi della relazione. Il narcisista, infatti, si sofferma molto sulle esigenze sessuali più profonde della donna, e le soddisfa, tutte, sorprendentemente. E’ coinvolgente, è simbiotico, non richiede ciò che sa che la donna non gradirebbe (poi semmai la porta a farlo lo stesso), è passionale, è coinvolgente e coinvolto, e ciò non gli risulta neanche troppo difficile, considerando il fatto che è il narcisista stesso ad idealizzare la sua vittima. La vittima è il suo nuovo “oggetto preferito”, quindi ogni attenzione è rivolta verso di lei, e, seppur in maniera disfunzionale, lui è realmente pazzo di lei, e realmente DIPENDENTE da lei, o meglio, dipendente dall’APPROVVIGIONAMENTO NARCISISTICO CHE DA LEI ORA RICEVE. E poi non dimentichiamo che la donna, nella prima fase della relazione, è splendente, raggiante, viva – vedi articolo IDENTIKIT DELLA VITTIMA: chi sono le prescelte dei soggetti narcisisti/psicopatici – Le voci di Eco – e scelta dal narcisista proprio per questo.

Difficile che una donna provi esperienze sessuali così potenti come quelle con un narcisista. La perdita di identità che pervade i due individui ad inizio relazione, e in parte molto anche nel seguito della relazione, si riflette anche nei rapporti sessuali. Anche la donna più frenata perderebbe le inibizioni tra le braccia di un narcisista, e ciò rispecchia tutto il complessivo lavoro di manipolazione a monte, dalla sincerità incondizionata, alla fiducia incondizionata, al mirroring, cioè alla tecnica da parte del narcisista di capire i gusti della vittima ed emulare la figura di suo personale principe azzurro, creato apposta per le sue esigenze. Ecco, il sesso comprende tutto questo. E non solo comprende tutto questo, ma diventa anche lo strumento per eccellenza per il narcisista per controllare la relazione e controllare la vittima.

E qui mi rifaccio alla seconda ragione per la quale il sesso con un narcisista non è, e non può essere, meramente meccanico: attraverso il sesso, il narcisista mantiene il CONTROLLO della vittima. Soprattutto verso la fine del love bombing, abituata ai livelli altissimi di qualità, frequenza e “fantasia” dei rapporti sessuali con il narcisista, la donna si assuefa a questi standard, come fosse una droga. E’ in questa fase, in cui lei è assuefatta anche da tutta la relazione in generale, che il narcisista ha tutto il potenziale possibile per cominciare ad attuare le iniziali svalutazioni. E, per ora, gli basta anche poco. Anche il leggero diradare i rapporti sessuali, e il suo iniziale e tiepido rifiutarsi a qualche rapporto, possono generare delle piccole crisi di astinenza nella vittima, e soprattutto più o meno consapevoli e preoccupati ragionamenti su cosa cominci a non andare. In questo caso, il narcisista si fa forte del fatto che HA CONTROLLO sulla vittima. Ha la prova che la condiziona, ha la prova che può modificare il suo umore, che ha il potere di farla cambiare, e soprattutto che ha il potere di farla maggiormente ATTACCARE A LUI, come una drogata in astinenza, perchè non solo la donna, quando il suo narcisista comincia a negarsi – sessualmente e non, iniziando la fase svalutante – inizia a LEGARSI veramente, ma comincia anche a METTERE IN DISCUSSIONE SE STESSA. Comincia a volersi migliorare, comincia a pensare a cosa LEI stia facendo mancare al suo uomo, comincia a mettersi in dubbio, comincia a pensare di doversi meritare il voler essere desiderata ancora da lui. Ed ecco che allora il narcisista le riconcede del buon sesso, e via dicendo glie lo toglie, e via dicendo glie lo ridà.

E’ SEMPRE IL NARCISISTA CHE COMANDA, prima, nel pieno della dolce droga, ed ora, nel togliere e dare, nel togliere e dare, quando e come vuole lui. Ripeto, ciò vale sia nel sesso, sia in generale in tutte le dinamiche della relazione di questa fase. Avrai fatto caso al fatto (scusa il gioco di parole) che è sempre il narcisista a fare il primo passo per fare l’amore, mai tu. Si fa sesso sempre e solo quando è lui ad avvicinarsi, e tu quasi arrivi ad avere timore a far valere i tuoi desideri. Ciò si rende molto evidente quando già sono cominciate le sottrazioni manipolatorie di sesso, e tu quasi ti vergogni ad avvicinarti, per paura di rifiuti palesi, per paura di essere giudicata, e per paura che lui ti dica – come già altre volte avrà iniziato a fare – frasi come “Ancora, amore? Pensi solo a quello”, “A me non interessa così tanto il sesso. A me importa anche solo guardare un film insieme, abbracciati. Mi fai venire il dubbio che non ti basti il nostro stare insieme ingenuo, senza fare chissà cosa”, quando è lui che, dall’inizio, ti ha abituato a scenari da “Cinquanta sfumature di grigio”. E tu cosa fai? Ti colpevolizzi, e non parli più, e non richiedi più, e non pretendi più, come in tante altre circostanze all’interno della relazione. E questo tuo non richiedere più, e questo tuo a volte recriminare le mancanze, e questo tuo spegnerti nell’adattarti, diventano incredibilmente tutte ulteriori forme di approvvigionamento narcisistico nella misura in cui palesano ancora una volta, al narcisista, il suo potere su di te.

Dunque è evidente che se tu permetti ad un narcisista di continuare una relazione con te, lui, SEMPRE risucchierà approvvigionamento da te, sia quando sei “felice” (grazie a lui e alla sua azione su di te), sia quando sei un essere distrutto (grazie a lui e alla sua qualsivoglia azione su di te).

Va da sè notare come il sesso sia il perfetto specchio della relazione manipolante. Il sesso va di pari passo con tutta la manipolazione, come se fosse una cartina di tornasole che manifesta in maniera diretta il progetto (più o meno) inconscio che il narcisista sta portando avanti con te. E’ chiaro che il narcisista quando fa l’amore con te non pensi a tutte queste congetture a livello razionale! A livello razionale non si rende conto di tante cose! Però all’interno di ogni sua azione c’è una intima chiave di lettura con la quale leggere i suoi modi di agire, e tu ora puoi farlo.

C’è poi una terza ragione che sostiene quanto il sesso con il narcisista sia un’esperienza molto intensa. Il narcisista vede in te lo specchio di quanto sia abile lui. Tu sei la sua autoconferma, la sua autoaffermazione. Cioè, si impegna, tanto, per darti piacere: sembra altruista oltremisura nel porre al primo posto i tuoi bisogni, nel soddisfarli, nel sapere e vedere che tu sei felice ed appagata, ma in realtà la ragione insita per la quale agisce così è che il tuo provare piacere è una conseguenza della bravura che lui ha e che lui esercita su di te. E’ felice di vederti godere perchè tu godi in funzione della SUA azione esercitata su di te, e della sua, ancora una volta, influenza. Il tuo godere è il risultato di una sua forma di POTERE. Ricordati che il narcisista ha un disturbo egosintonico, cioè è concentrato esclusivamente sui bisogni e desideri del proprio io (fortemente disfunzionale e colmo di meccanismi di difesa, che provoca al narcisista una distorta visione della realtà), dentro solamente alle proprie esigenze, dentro solamente ad una visuale psichica che vede solo la propria persona, e non ha empatia, non sa percepire quello che provi tu, e OGNI ELEMENTO di lui e della storia che lui ha con te è da leggere con questa lente. Durante il rapporto sessuale, tu sei uno specchio che gli fa vedere il suo potere, il suo modulare te, e la sua eccitazione deriva da questo, non tanto dalla reciprocità, e dalla felicità di vedere te essere felice, perchè sì, in questo sono d’accordo, il narcisista ha PAURA di instaurare un’intimità profonda con qualcuno che non sia se stesso, e, come dicevo, in realtà anche e soprattutto con se stesso, quindi rimane ad una connessione superficiale con l’altra persona, e l’intensità che i due individui provano è di uguale portata ma di diverso significato: la donna prova intensità nell’intimità che LEI PERCEPISCE stando in simbiosi con lui, e il narcisista prova intensità nel fagocitare il suo possesso. Quando il narcisista ti sussurra “sei mia”, lo pensa davvero, profondamente. Tu sei di sua proprietà, ed ama possederti, non rispettarti. L’intensità globale di un rapporto tra narcisista e donna empatica è molto forte, molto viscerale, come se due medaglie differenti si unissero e trovassero una matrice simile forte – vedi articolo Selezione tematica complessuale nel love bombing: mi sembra di conoscerti da sempre – Le voci di Eco – . E’ difficile da poter spiegare, e chiaramente nessuno, mentre lo sta vivendo, potrebbe facilmente cogliere queste sottigliezze che sopra ho citato, perchè il narcisista prova effettivamente un legame molto profondo con la vittima, specialmente (anzi oserei dire esclusivamente) con la sua fonte primaria, quindi fidanzata ufficiale o moglie, però a seguito della comprensione globale di ogni aspetto della mente del narcisista, i significati più reconditi della pulsione dei due individui sono diversi, hanno delle radici diverse. E li si possono cogliere solamente a seguito della successiva presa di coscienza che il partner è narcisista.

Stando a ciò che dicevo prima riguardo al sesso come specchio delle varie fasi della manipolazione, la fase calda della svalutazione e poi dell’effettivo scarto vedono, invece, l’effettiva reificazione della partner. La donna sente distante il proprio uomo non soltanto quando le sottrae il sesso, ma anche quando il sesso lo fa. L’uomo è in questa fase che usa la donna per il proprio soddisfacimento, alla pari di un oggetto sessuale. E la donna – sottolineiamo, a maggior ragione, EMPATICA, e quindi ultra sensibile – percepisce che il suo uomo non c’è, non è presente, va avanti per la sua strada, noncurante più di lei. Spesso il narcisista lo sa – del resto non ha scelto una donna sensibile a caso – e usa ciò come manipolazione (usa tutto per manipolazione, in realtà) dando volutamente poco conto alla donna nell’atto sessuale, ma spesso il narcisista non se ne rende conto, e semplicemente ha la testa altrove, e si sta solo togliendo uno sfizio per se stesso, o al massimo concedendo un banale contentino. E’ infatti molto probabile che in questa fase abbia puntato nuove prede fresche su cui concentrare tutta la sua attenzione, o anche altri tipi di nuovo approvvigionamento narcisistico, come un nuovo lavoro dove può esercitare il suo arrivismo, o nuovi obiettivi per arraffarsi ammirazione, che non contemplino più la sua donna, ormai oggetto usurato e da cambiare.

Qualunque sia la chiave recondita celata dietro il fare l’amore per un narcisista e con un narcisista, rimane pur sempre un’esperienza di grande coinvolgimento, per te, ed anche per lui. Prendila come un’esperienza, prendila come una crescita, per capire ciò che vuoi, per esserti concessa di abbandonarti. Prendi le sensazioni belle, e portale con te nel futuro. Portati con te anche, e forse solo, quelle, perchè erano tue, e ti hanno permesso di sentirti una donna amata. Puoi ancora sentirti così, e puoi farlo grazie a te stessa, non dipendendo dalla considerazione di lui e dall’azione di lui. Non sporcare quel bello che c’è stato e che tu sei stata in grado di provare, se non ti sei risparmiata eri nel giusto, ti sentivi nel giusto, e non c’è niente di più sacro. E non rimanere attaccata alla dipendenza, mancanza e nostalgia del tempo che fu: prendilo come un ricordo, uno dei più potenti della tua vita, che ti ha permesso di far fiorire parti tue di donna che non conoscevi.

Ce ne potranno essere altri di ricordi di importante intensità, in cui tu già partirai con l’essere più forte.

Magari le stelle con un altro non le vedrai, ma almeno non vedrai neanche il baratro.

Articolo soggetto a copyright – E’ severamente vietata la copia e la riproduzione, anche parziale, dei contenuti di questo blog. Nel caso in cui parti di articoli – anche limitate – vengano estratte ed utilizzate (periodicamente e/o occasionalmente) in altri testi, e/o altre piattaforme, e/o sessioni formative, e/o discorsi resi pubblici con qualsivoglia mezzo (ad esempio video e/o audio), E’ OBBLIGATORIO CITARE LA FONTE https://levocidieco.com/ a tutela del diritto d’autore in base alla normativa vigente.